PER AMA E RAGGI MUNICIPIO III UN ‘LABORATORIO OLFATTIVO’

RIFIUTI. ROMA, ZOCCHI: PER AMA E RAGGI MUNICIPIO III UN ‘LABORATORIO OLFATTIVO’.

Come se non bastassero i miasmi vomitevoli provenienti dal TMB Salario che peggiorano ogni giorno, in questa torrida estate, il nostro territorio deve sopportare la presenza di un treno merci carico di 700 tonnellate di rifiuti fermo da più di due mesi a Villa Spada.

A quanto si apprende dalla denuncia odierna di Legambiente Lazio si tratta di uno dei convogli su cui venivano caricati i rifiuti di Roma per spedirli agli inceneritori in Austria e Germania ma essendo scaduto e non rinnovato l’accordo per il conferimento fuori ambito su ferro, il treno è rimasto fermo sui binari della stazione Roma Smistamento, accanto alla stazione FL1 di Nuovo Salario dal quale doveva partire l’11 Giugno.

Probabilmente AMA e la Sindaca Raggi hanno deciso di fare del III Municipio un laboratorio di sperimentazione olfattiva altrimenti non si capisce il motivo per il quale tutte le situazioni odorigene peggiori debbano essere trattate all’interno del nostro municipio senza alcun rispetto per la salute di quelle persone che non possono permettersi di andare in ferie, ormai diventate più un sollievo dalla puzza che dal lavoro quotidiano.

Dichiarare l’inadeguatezza della propria amministrazione, chiaramente non in grado di svolgere l’ordinaria amministrazione, sarebbe onorevole per Virginia Raggi e la sua giunta che non mancano occasione per dimostrare quanto poco vogliano bene al territorio che governano.

Allego articolo di Repubblica con la mia breve dichiarazione.

Bando assegnazione immobile

Pubblicato il bando che prevede l’assegnazione in concessione d’uso, a titolo oneroso, dell’immobile destinato a punto ristoro sito in Largo Fausta Labia all’interno del Parco delle Sabine.

L’immobile ha una superficie di circa 134 mq, con un’area antistante di circa 200 mq per OSP.

Il bando è riservato a micro e piccole imprese, imprese artigiane, cooperative, lavoratori autonomi con partita iva, che possono presentare domanda di partecipazione entro il termine del 15 ottobre 2018, ore 12.00.

Il contratto di concessione avrà la durata di sei anni, con possibilità di rinnovo di uguale durata.

Qui il bando!

Linee programmatiche

Il secondo Consiglio Municipale sarà convocato, in seduta pubblica, per il giorno
Mercoledì 25 luglio 2018 alle ore 14.00

Si discuteranno le “linee programmatiche”, le direttrici che la Giunta e il Consiglio intendono, dunque, perseguire durante l’attività di governo.

Vi aspettiamo!

  • Nel frattempo è stata attivata anche la mail istituzionale a disposizione per qualsiasi comunicazione, necessità e segnalazione della cittadinanza:  matteo.zocchi@comune.roma.it

Aggiornamento: cliccando qui è possibile scaricare il PDF delle linee programmatiche che verranno discusse in Consiglio.

Il primo consiglio

Convocato, in seduta pubblica, il primo Consiglio Municipale per il giorno
Giovedì 12 luglio 2018 alle ore 16.00

Si provvederà ai seguenti adempimenti:

  • Giuramento del Presidente eletto Giovanni Caudo

  • Elezione del Presidente del Consiglio del Municipio Roma III Montesacro, dei due Vice Presidenti e dei due segretari del Consiglio

  • Comunicazione della Giunta Municipale

Vi aspettiamo!

Un municipio che ascolta

Un municipio in grado di ascoltare non solo in campagna elettorale ma 365 giorni all’anno.

La nostra idea di partecipazione e di processo decisionale passerà attraverso la creazione di consulte territoriali in grado di socializzare i problemi con le associazioni, i comitati e le singole persone cercando di arrivare insieme alle soluzioni.

Vogliamo inoltre valorizzare la progettualità e la voglia di mettersi in gioco dei residenti portatori di idee e professionalità come quella di Fabrizio, che ci ha presentato un progetto di riqualificazione della stazione di Nuovo Salario.

Questo è solo l’inizio, lavoreremo fianco a fianco facendoci promotori delle istanze cittadine.

Un municipio trasparente, che comunica e non si rinchiude nelle segrete stanze, come quello che abbiamo intenzione di costruire noi, farà riavvicinare le persone alle istituzioni e alla politica vera, quella che costruisce e migliora la vita di tutti.

Non solo tutte ma anche tutti.

L’esperienza della Casa Internazionale delle Donne va tutelata ad ogni costo.

Un luogo attivo e vitale con un valore storico, politico ed economico non può chiudere i battenti per la miopia politico/burocratica del MoVimento 5 Stelle.

La nostra idea di cura e valorizzazione delle esperienze di autogoverno è esattamente all’opposto.

Oggi pomeriggio alle 18 sarò in Campidoglio, prendendomi una pausa dalla campagna elettorale, a manifestare contro la chiusura di questo spazio.