COME LAVORA AMA A ROMA E IN III MUNICIPIO

Oltre ogni speculazione di sorta il quadro definitivo e oggettivo ce lo danno i dati della Commissione Tecnica di Controllo, organo previsto dal contratto di servizio che lega Comune di Roma e Ama.

I numeri, riferiti all’annualità 2017 e confrontati con la precedente, sono impietosi e vale la pena scendere nel dettaglio:

1) IL SERVIZIO DI PULIZIA

• Il servizio di spazzamento nell’anno 2017 è inferiore al 2016.

L’obiettivo contrattuale che fissava al 100% la regolarità del servizio non è arrivato al 91%, attestandosi al 90,79%, quindi quasi il 10% in meno rispetto ai programmi.

• La disponibilità di mezzi in esercizio è passata dal 65% del 2016 al 57% del 2017.

A conferma della difficoltà generali sono evocative le segnalazioni e i reclami pervenuti ad Ama: il DOPPIO rispetto al 2016.

In III Municipio tutto ciò viene confermato dal giudizio negativo sulla qualità percepita.

Con una valutazione da 1 a 10 i cittadini valutano:

• La pulizia delle strade 3,4;

• La pulizia dei cassonetti 3,3;

• La presenza dei cestini 3,0;

Risultato nella media -pessima- dell’intera città;

2) SERVIZI DI RACCOLTA DIFFERENZIATA

Il contratto di servizio fissava l’obiettivo del 2017 al 65%, rivisto poi dalla Giunta Raggi e dal piano finanziario TaRi 2017 al 48%.

La percentuale media annua di raccolta differenziata 2017 si ferma al 44% con un incremento ridicolo di 1,26% rispetto al 2016.

In III Municipio il quadro viene confermato -anche qui- dal giudizio negativo sulla qualità percepita.

Con una valutazione da 1 a 10 i cittadini valutano:

• La raccolta stradale 4,3;

• La raccolta Porta a Porta 4,2;

• I Centri di raccolta Raee 6,0; (unica sufficienza)

• Sul monitoraggio del decoro dei contenitori di differenziata, in III Municipio siamo sotto all’obiettivo per quanto riguarda la raccolta della Carta e della Plastica.

3) I CENTRI DI RACCOLTA RIFIUTI INGOMBRANTI E RAEE

Sono fermi al numero di 14 su tutta Roma quando il contratto di servizio ne prevedeva 4 in più nel 2017.

[ •TMB SALARIO ]

Sull’impianto di trattamento meccanico biologico situato a Villa Spada, sul quale tanto ci sarebbe da raccontare, nel 2017 si registra un incremento di conferimento di rifiuti indifferenziati del 32,31% rispetto all’anno precedente che “riduce contestualmente il ricorso a tutti gli altri impianti romani”.

Più di 155mila tonnellate di rifiuti nell’anno 2017, sono quasi 500 tonnellate al giorno!

[Non commento perché il post si sforza di essere meramente informativo.]

APPROVATO IN CAMPIDOGLIO REGOLAMENTO SU REFERENDUM ATAC

Al di là di come la si pensi sull’oggetto del referendum che si terrà a novembre abbiamo deciso di portare le nostre osservazioni sotto forma di emendamenti (9), firmati dai Capigruppo di Maggioranza, per rendere la consultazione popolare più larga, democratica e partecipata possibile.

Siamo sicuri che le nostre posizioni dibattute e approvate in consiglio municipale siano state decisive per l’approvazione della delibera emendata.

Tutti i mezzi di comunicazione, da quelli tecnologici a quelli classici, saranno usati per informare i cittadini e renderli consapevoli della scelta che sono chiamati a fare.

PER AMA E RAGGI MUNICIPIO III UN ‘LABORATORIO OLFATTIVO’

RIFIUTI. ROMA, ZOCCHI: PER AMA E RAGGI MUNICIPIO III UN ‘LABORATORIO OLFATTIVO’.

Come se non bastassero i miasmi vomitevoli provenienti dal TMB Salario che peggiorano ogni giorno, in questa torrida estate, il nostro territorio deve sopportare la presenza di un treno merci carico di 700 tonnellate di rifiuti fermo da più di due mesi a Villa Spada.

A quanto si apprende dalla denuncia odierna di Legambiente Lazio si tratta di uno dei convogli su cui venivano caricati i rifiuti di Roma per spedirli agli inceneritori in Austria e Germania ma essendo scaduto e non rinnovato l’accordo per il conferimento fuori ambito su ferro, il treno è rimasto fermo sui binari della stazione Roma Smistamento, accanto alla stazione FL1 di Nuovo Salario dal quale doveva partire l’11 Giugno.

Probabilmente AMA e la Sindaca Raggi hanno deciso di fare del III Municipio un laboratorio di sperimentazione olfattiva altrimenti non si capisce il motivo per il quale tutte le situazioni odorigene peggiori debbano essere trattate all’interno del nostro municipio senza alcun rispetto per la salute di quelle persone che non possono permettersi di andare in ferie, ormai diventate più un sollievo dalla puzza che dal lavoro quotidiano.

Dichiarare l’inadeguatezza della propria amministrazione, chiaramente non in grado di svolgere l’ordinaria amministrazione, sarebbe onorevole per Virginia Raggi e la sua giunta che non mancano occasione per dimostrare quanto poco vogliano bene al territorio che governano.

Allego articolo di Repubblica con la mia breve dichiarazione.

Bando assegnazione immobile

Pubblicato il bando che prevede l’assegnazione in concessione d’uso, a titolo oneroso, dell’immobile destinato a punto ristoro sito in Largo Fausta Labia all’interno del Parco delle Sabine.

L’immobile ha una superficie di circa 134 mq, con un’area antistante di circa 200 mq per OSP.

Il bando è riservato a micro e piccole imprese, imprese artigiane, cooperative, lavoratori autonomi con partita iva, che possono presentare domanda di partecipazione entro il termine del 15 ottobre 2018, ore 12.00.

Il contratto di concessione avrà la durata di sei anni, con possibilità di rinnovo di uguale durata.

Qui il bando!

Immediatamente

Mentre la Sindaca Raggi inaugura la spiaggia sul Tevere il III Municipio continua ad essere sommerso dalla puzza del TMB Salario.

Una situazione impossibile da ignorare a meno che non si risponda al nome della Sindaca Virginia Raggi o della dirigenza Ama che non hanno ancora voluto constatare personalmente l’indecenza della situazione odorigena all’interno del territorio in questi giorni.

L’estate invece che dare sollievo ai residenti sta ulteriormente esacerbando la situazione che potrebbe precipitare in episodi spiacevoli che mettono a rischio l’ordine pubblico.

La salute dei cittadini non può essere messa in secondo piano per coprire le magagne sull’intero ciclo di rifiuti di una città allo stremo.

Chiediamo l’attenzione politica che la situazione impone, auspicabile in ogni paese civile: i miasmi devono terminare immediatamente.

Organi Municipali completi

Con la costituzione delle commissioni tutti gli organi politici municipali sono finalmente al completo e possono iniziare i lavori.

LA GIUNTA (con relative deleghe)

IL CONSIGLIO MUNICIPALE

Giovanni Caudo;

Lista Civica Caudo Presidente: Matteo Zocchi (Capogruppo), Francesca Farchi, Luigi Maio;

Partito Democratico: Christian Giorgio (Capogruppo), Yuri Bugli (Presidente del Consiglio), Filippo Laguzzi, Sara Alonzi, Simona Sortino, Nastassja Habdank, Italo Della Bella, Maria Teresa Ellul, Mario Bureca;

Liberi e Uguali: Matteo Pietrosante, Cesare Lucidi (Capogruppo);

Centro Solidale: Angela Silvestrini (Vicepresidente del consiglio);

LE COMMISSIONI

Al lavoro!

Abbiamo costituito le Commissioni Consiliari, gli organi all’interno dei quali vengono svolte le principali funzioni di indirizzo e di controllo politico-amministrativo.

Sarò il Vicepresidente della Commissione Ambiente e ringrazio di cuore tutte le forze di maggioranza che mi hanno votato.

Farò parte, inoltre, delle commissioni:

Politiche Sociali;

Lavori Pubblici;

Trasparenza.

Ciò che mi rende particolarmente orgoglioso sono le cariche che andranno a ricoprire i miei due compagni e amici, Francesca Farchi, Presidente della Commissione Scuola e Cultura, e Luigi Maio, Presidente della Commissione Personale e Bilancio ai quali auguro un buon lavoro.

E un buon lavoro anche a tutti gli altri compagni della maggioranza che sono stati eletti oggi; abbiamo davanti a noi tanto da fare ma sono sicuro che con l’impegno che ci ha portato fin qui possiamo andare lontano.

Quasi dimenticavo: sono il Capogruppo della Lista Civica Caudo Presidente.

Una responsabilità grande, che mi riempie di gioia e di emozione.

Al lavoro!