Speranze rinate

Ad Operazione “Fai da te” che il mercoledì mattina pulisce con impegno e fatica un enorme porzione del Municipio insieme a Retake e a Associazione “Guscio di Noce” eravamo ormai abituati.

Al fatto che stamattina si siano unite loro le persone che “abitano” negli insediamenti spontanei sull’ansa del fiume non eravamo sicuramente abituati ed è un fatto che colpisce davvero molto.

È in giornate come questa, grazie al volontariato e alle persone attive sul territorio, che rinasce la speranza di un’integrazione possibile, di poter vivere e stare insieme come una comunità solidale nonostante gli steccati sociali e culturali, nonostante tutti i preconcetti, nonostante tutto.

Grazie 🙏🏻👏🏻

Operazione Nomentana

IL GOVERNO TASSA IL VOLONTARIATO

Continua incessante l’opera di scientifica distruzione dei legami sociali e delle realtà aggregative da parte del governo gialloverde.

Hanno deciso di cancellare le agevolazioni Ires per le realtà associative non profit e di volontariato, dunque di raddoppiare le tasse a tutte quelle realtà solidali che aiutano lo Stato a svolgere i propri compiti di assistenza, integrazione, scolarizzazione e tanto altro.
Istituti di assistenza sociale, fondazioni, enti ospedalieri, istituti di istruzione senza scopo di lucro: Croce Rossa, Ieo, Humanitas, Don Gnocchi, federazioni dei disabili, Misericordie, le piccole Onlus.
Oltre 6000 enti che svolgono una funzione sociale essenziale per molte persone subiranno una mazzata senza precedenti.
Tassare la solidarietà, in una spirale di cinismo e disumanità partita dai migranti arrivata ora alle fragilità, è l’ennesima conferma che il governo che propagandava l’eliminazione della povertà ne creerà solamente di nuove, facendo il gioco delle tre carte sulla carne viva delle persone.

La locuzione latina, che non ho mai amato, torna più che mai attuale: Divide et impera.
Le realtà che hanno formato la coscienza civica e politica di molti tra noi rappresentavano forse l’ennesimo tabù culturale da abbattere: chi fa del bene va marginalizzato, magari tacciato anch’esso di buonismo.
Non deve rappresentare più una minaccia per la cultura dominante.

È ormai diventata una questione di resistenza, noi non molliamo.